TRAMA ANTICHE VOCI DI SALEM

Le antiche voci di Salem.

Ai giorni nostri: quando Samantha Mather si trasferisce nel’antica casa avita per stare vicina al padre, ricoverato perché misteriosamente in coma, trova in città un’accoglienza piuttosto fredda.

Sono passati ormai tre secoli da quando il suo antenato Cotton Mather è stato protagonista del processo alle streghe, firmando il trattato usato a fondamento delle condanne, ma i rancori che allora avevano spaccato la comunità sono ancora terribilmente vivi isolata e avvolta dal’ostilità gelida degli Eredi delle presunte streghe.

Samantha si trova intrappolata in un complicato groviglio in cui passato e presente si intrecciano pericolosamente. Soltanto Jaxon, figlio della migliore amica del padre e segretamente attratto dalla ragazza, sembra immune a quel’odio, almeno finché Samantha non entra in contatto con l’affascinante Elijah, uno spirito tragicamente coinvolto nelle antiche vicende storiche, e le cose si complicano.

Samantha scopre un modello ricorrente nei secoli, in base al quale le famiglie dei perseguitati e dei persecutori pagano un terribile tributo di morti.

C’è solo una speranza per evitare che la storia si ripeta: svelare i segreti del passato fra odi antichi e passioni, e rinunciare a qualcosa di sé per aprirsi a un sentimento nuovo.

RECENSIONE

Ho cercato questo libro per tanto tempo, finché un giorno con il mio fidanzato si entra in una libreria di Firenze e lo trovo in bella vista sopra uno scaffale.

L’ ho letto in una settimana, molto bello, con molti significati e in particolare uno è molto importante, sottolinea di quanto la nostra mente umana viene plagiata da uomini e donne malvagi che ci fanno credere cose inesistenti,come per esempio sulle streghe, donne che vivevano sole  in compagnia di un gatto nero o per scelta, o perché gli era morto il marito e venivano  discriminate e chiamate streghe, per questo venivano torturate e impiccate o bruciate sul rogo.

Questo avveniva nel 1692, ma così è successo  anche nel 1938 con le leggi razziali dove perseguitavano gli ebrei.

Ma così avviene tutt’oggi con il bullismo a scuola e se qualcuno sparge la voce che sei strano, pazzo, un mostro, tutti ci credono e incominciano a rovinarti la vita e se l’istituzione scolastica sta in silenzio e gli alunni stanno in silenzio anche i genitori sono complici della violenza.

“Dobbiamo gridare basta!”….

Ai ragazzi dobbiamo insegnare il rispetto, come aiutare i più deboli e di non ascoltare le voci discriminatorie ma di reagire e di non mettere loro  strane idee in testa.
Insegniamo ai ragazzi ad amare e buttare giù le armi.

Questo libro non è solo un fantasy, ma è molto di più per chi vuole apprendere.

FANTASY

HOME PAGE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *