Trama Figlia del Gange

Figlia del Gange : Originaria di un villaggio poco lontano da Bombay, Asha viene presto abbandonata dai suoi e ospitata in un convento di suore. Per sei interminabili anni non smette di cercare i genitori… Finché non avviene un piccolo miracolo: è accolta da una famiglia di Barcellona che le dà tutto quanto ha sempre sognato, specialmente tenerezza e affetto. Ma il desiderio profondo di conoscere il proprio Paese e ricostruire i frammenti del passato spingono la giovane, vent’anni dopo, a un lungo viaggio, reale e simbolico, in India, dove finalmente potrà accettare la propria identità di “figlia del Gange”. Una toccante testimonianza in prima persona sul delicato tema dell’adozione.

Recensione

La Figlia del Gange è un romanzo commuovente. Racconta di una ragazza Asha Mirò Indiana adottata da una famiglia di Barcellona.

Asha insieme alle sue compagne del collegio fa un viaggio in India a Bombay e da lì la protagonista ritroverà le sue origini, scoprirà che sua madre è morta mettendola alla luce e dopo la morte di sua madre il padre cade in una depressione molto profonda e per colpa della depressione Asha viene abbandonata per la strada, dove viene raccolta da una suora dove viene cresciuta nel convento fino al’età di sette anni.

Questo romanzo fa riflettere su non provare mai rancore ma di perdonare e di capire i genitori, se i genitori fanno delle scelte anche se difficili abbandonano i propri figli perché vivono in delle condizioni che non possono mantenerli e da queste situazioni che nascono le famiglie adottive, dove si prenderanno cura di un bambino straniero, che non sa la lingua, di cultura diversa e il suo nome che non dovrà mai essere tolto perché il nome è l’unica cosa che rimarrà della sua vera identità.

Solo il nome giusto dà a tutte le creature e a tutte le cose la loro realtà. Il nomesbagliato rende tutto irreale. Questo è ciò che fa la menzogna.


MICHAEL ENDE

ROMANZI

HOME PAGE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *